Il cane da pastore svizzero bianco è una razza dal carattere equilibrato, dal buon temperamento e molto ricettiva all’apprendimento, di fatti sono spesso impiegati dalle forze dell’ordine oppure da associazioni per aiutare disabili e non vedenti.

Da sempre abituato a vivere a fianco dell’uomo, il Pastore Svizzero oggi è molto amato proprio come cane da compagnia, come testimoniano anche star internazionali del calibro di Jennifer Aniston, Bruce Springsteen e Miley Cyrus, spesso fotografati assieme ai loro splendidi esemplari di pastore svizzero bianco.

Nella scelta di far crescere il cucciolo all’interno delle mura domestiche bisogna considerare alcuni particolari fondamentali per il suo equilibrio caratteriale ma anche per coloro che già vi abitano, siano essi bambini o altri animali domestici.

Nel rapporto tra bambini e cuccioli di pastore svizzero è sufficiente la supervisione di un adulto per evitare che si possano verificare episodi spiacevoli seppur involontari, ma per la convivenza tra animali domestici bisognerà avere qualche accortezza in più.

Se in casa sono presenti altri cani è importante assistere ai primi momenti di convivenza con il pastore svizzero, in modo che il cucciolo non subisca episodi di prevaricazione e di umiliazione da parte del cane adulto, soprattutto se si tratta di due maschi.

Le tecniche di rinforzo positivo in questi casi possono essere molto utili per associare la reciproca presenza ad un fatto positivo.

Se, all’introduzione del pastore svizzero in casa, è presente un gatto, le cose verranno quasi da sé poiché generalmente è il felino a dettare le regole della convivenza, accettando o meno di tollerare la presenza del cane: l’unica attenzione da riservare è per la sicurezza del cucciolo di pastore svizzero, in modo che non venga graffiato o attaccato dal gatto.

Inoltre riconoscendolo come membro dell’ambiente domestico, il pastore svizzero non tenterà di rincorrere il felino come invece accade per i gatti sconosciuti.

L’istinto predatorio del cane può però sorgere con la presenza di animali quali roditori ed uccellini, innanzitutto perché non sono predatori ed in grado di difendersi come il gatto, ma anche perché si muovono con movimenti più veloci e scattanti, stimolando ancora di più l’istinto canino alla caccia.

In questi casi è indispensabile tenere il pastore svizzero a distanza di sicurezza dai piccoli animali e naturalmente non lasciarli girare per casa liberamente senza controllare la situazione, ma anzi tenerli nella loro gabbietta in una posizione sicura, e farli uscire dalle gabbiette o dalle recinzioni solo in nostra presenza, per scongiurare qualsiasi incidente.