28 maggio, 2018
Home / SICUREZZA / Forza e protezione da personalizzare: porte sempre più belle e performanti

Forza e protezione da personalizzare: porte sempre più belle e performanti

Una porta blindata costituisce un ottimo deterrente di fronte a ladri e topi d’appartamento.

Data la necessità di doverla forzare con l’astuzia più che con la forza e il maggior impegno che richiede un’operazione di questo tipo, generalmente il malintenzionato cambia spesso obiettivo di fronte a un appartamento dotato di questo tipo di protezione.

Le soluzioni più attuali uniscono grande sicurezza a un’estetica piacevole e del tutto personalizzabile.

La porta, generalmente prodotta in lamiera d’acciaio, vanta due rivestimenti, esterno e interno per adattarsi perfettamente agli arredi di casa cosi come allo stile scelto dai condomini per gli spazi comuni.

Non solo, perché per chi ha porte che si affacciano direttamente sul cortile esistono anche possibilità di personalizzazione capaci di resistere a tutte le intemperie.

Uno tra gli elementi più preziosi della struttura è il controtelaio della porta che viene murato all’interno del vano al fine di farlo diventare una cosa sola con la parete.

Questa accortezza garantisce da tutti i tentativi di smontaggio. La parte centrale della struttura, invece è come anticipato il lamiera d’acciaio e irrobustita ulteriormente nei punti più sollecitati.

Direttamente sul telaio, inoltre, sono presenti i fori che accoglieranno i perni della chiusura. Tra i consigli per la scelta vale la regola che maggiore è il numero degli elementi a collegare anta e telaio, più sarà sicura la porta.

Esiste un sistema di certificazione europeo, in base alla disciplina UNI-ENV 1627/1630 che stabilisce una classificazione dei gradi di resistenza all’intrusione di questo tipo di prodotti.

La scala va da 1 a 4, dove l’1 è conferito a una proposta non classificata e il 4 si riferisce invece al top della sicurezza.

Nonostante questo, sarebbe sbagliato pensare che scegliere modelli certificati per la massima sicurezza siano sempre l’opzione migliore.

Chi abita in condominio, ad esempio, può valutare modelli di seconda fascia, mentre quelli di terza sono pensati per ville e uffici ma in contesti non eccessivamente isolati.

Il massimo grado di protezione secondo la scala di valori europea si addice meglio alle abitazioni pù isolate e di prestigio. Optando per modelli intermedi nella scala, si possono perseguire risparmi anche considerevoli e, ugualmente, proteggere in maniera adeguata l’abitazione.

In un condominio, infatti, oltre alla porta, anche altri fattori agiscono da deterrente contro i ladri.

Come scegliere la serratura?

Un elemento fondamentale della porta blindata è, senza dubbio, la serratura. Ne esistono di diversi tipi, ma in ogni caso è necessario assicurarsi che in quella scelta per la nostra porta sia resistente sia allo scasso che alla perforazione.

Per raggiungere tale scopo è consigliabile la soluzione combinata tra serratura a doppia mappa e cilindro di servizio.

Per rendere la chiusura veramente sicura è consigliabile la presenza di catenacci e rostri di fissaggio azionabili con la serratura stessa e dal diametro abbastanza importante.

Generalmente non se ne prevedono meno di quindici ed hanno rispettivamente un diametro di circa 18-20 cm.

Affidarsi a professionisti

Non solo la scelta ma anche l’installazione delle porte blindate e antincendio ha una grandissima rilevanza nel raggiungimento dei livelli di sicurezza desiderati.

L’installazione deve essere eseguita a regola d’arte e quindi è preferibile affidarla a personale specializzato, meglio se riconosciuto dalle case produttrici delle stesse porte.

Ciò è indispensabile per ottenere le prestazioni di sicurezza che ci aspettiamo da quel dato prodotto. Il professionista potrà così valutare il tipo di muratura presente, il sistema di ancoraggio ed eventuali adeguamenti delle parete.

Operazioni in cui è bene “investire” qualcosa in più per assicurarsi un risultato ottimale e duraturo nel tempo.

Da non perdere

L’occhio elettronico del condominio

A tutela della privacy, le videocamere possono riprendere solo le aree comuni e devono essere …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *